IL C.O.R.P.O. SECONDO AMMAMARIE SCHLEGEL


“Cento Onde Ricompongono Pensieri Opposti”. Con questo acrostico, Annamarie Schlegel ha svelato la sua personale versione del significato di C.O.R.P.O., la mostra della sua più recente produzione di opere realizzate con penna a biro su carta, inauguratasabato 28 marzo a Magliaso, (Lugano) presso la prestigiosa “Officinaarte” diretta da Flavia Zanetti. Con questo gioco di parole, ha anche invitato i visitatori, in una sorta di spiritosa provocazione, a comporne uno sul libro degli ospiti, per sintetizzare il punto di vista dell’osservatore. l’artista svizzera, originaria di San Gallo, ma residente in Ticino da alcuni anni, si era già fatta conoscere lo scorso dicembre, durante la collettiva luinese di Palazzo Verbania “Artistiche tentazioni al femminile”. In quell’occasione aveva parlato della sua particolarissima tecnica, con la quale, in una sorta di “scrittura automatica” e usando entrambe le mani, attraverso contemporanei movimenti a spirale, lascia che il segno di penna si sovrapponga a caso sulla carta, creando densità, lasciando trasparenze, originando volumi che raramente trovano spigolosi ostacoli. “E’ una partecipazione di sentimento, cuore, passione, che rendono tridimensionale questo ciclo di opere, realizzate utilizzando entrambi gli emisferi cerebrali”. Così la gallerista Flavia Zanetti, ha commentato i pannelli della Schlegel, alcuni alti oltre due metri, nei quali il corpo umano perde progressivamente la sua identità anatomica, per svelarne l’intima essenza. Circonvoluzioni, ventricoli, atomi, molecole: l’estrema sintesi della vita, colta nella sua natura primordiale, come il principio dell’Universo poco dopo il Big Bang. “Questo è lo spirito dell’Officina, – conclude Flavia Zanetti – spinta per voltare pagina: confronto, prima con se stessi tra queste mura, per poi ripartire verso altro, verso il futuro”.

La mostra, a ingresso libero, rimarrà aperta fino a domenica 26 aprile con i seguenti orari: mercoledì dalle 19 alle 21; sabato e domenica dalle 14 alle 17 Officinaarte – Via Cantonale 57 Magliaso-Lugano

Eco del Varesotto - 17 aprile 2009 
Marina Perozzi